Il Senso del Vino

Voglio una casa a prova di vino

0 57

Ciao a tutti, 

dopo questa piccola pausa vacanziera sono molto contenta di tornare a condividere con voi le mie piccole guide

Ho scelto di riaprire le danze, o le bottiglie per restare in tema, parlandovi di casa, però non di una casa qualunque… Una casa a prova di vino!

Eh sì, le cene in ristoranti selezionati, la ricerca del vino “perfetto per il momento” nelle enoteche di fiducia, le visite alle cantine e i tour di degustazioni organizzate sono esperienze che possono arricchire sotto molti aspetti, però non sempre si ha voglia di uscire, ci sono momenti in cui rilassarsi a casa, da soli o in compagnia, è proprio quello di cui si ha bisogno. Ed è qui che viene il bello, perchè un buon bicchiere si può gustare anche a casa, e applicando semplici accorgimenti si può creare un ambiente dedicato al vino talmente confortevole, che gli amici potrebbero iniziare fare a gara per farsi invitare nella vostra “maison”.

Iniziamo subito a parlare di cosa ci serve

ARREDAMENTO

  • Spazio per la corretta conservazione dei vini

Non occorre sia grande, basterà un piccolo scantinato, una taverna, un ripostiglio, un sottoscala o una nicchia nel muro; l’importante è che sia un posto che preservi le caratteristiche ottimali di temperatura, luce, umidità e isolamento sonoro.

Nel caso in cui non si disponga di una di queste opzioni, non è il caso di disperare e chiudere questo articolo, anzi! La soluzione è a portata di mano, ovvero la Cantinetta, un armadio – frigorifero specializzato per il vino, che permette l’eliminazione degli sbalzi di temperatura, l’umidità scarsa, la luce, le vibrazioni, i rumori e i cattivi odori.

Anche l’occhio vuole la sua parte, quindi perchè non concedersi una piccola installazione di design per esporre le bottiglie più allettanti? 

  • Spazio per la degustazione

Ricavate un angolo all’interno della vostra casa in cui poter degustare il vino insieme ai vostri amici, che sia nella cucina o in salotto non importa, la cosa essenziale è avere tutti gli strumenti comodamente sottomano, poter creare un’atmosfera rilassante e senza grandi odori che possano alterare la percezione delle caratteristiche organolettiche di quello che stiamo assaggiando. 

STRUMENTI

  • Apribottiglie

sono vari modelli tra cui scegliere, quelli che mi sento di consigliare sono l’apribottiglie da sommelier e il cavatappi in stile coniglio per le bottiglie più difficoltose da aprire.

Sappiamo come la temperatura sia un aspetto importante per degustare il vino al meglio, per esser sicuri che la nostra bottiglia si trovi alla temperatura corretta è utile usare un termometro. Tra le varie tipologie c’è anche un termometro in acciaio Inox inossidabile, che tramite un sistema infrarossi, riesce a misurare la temperatura del vino prima del servizio.

  • Set di calici da vino

Come abbiamo già visto nell’articolo sulle forme dei bicchieri, ogni tipologia di vino ha il suo bicchiere, e per non “perdersi” in acquisti impegnativi, e poco fruibili,  il mio consiglio è quello di puntare su un set di classici calici da sommelier. Ma se disponete di più spazio, un set di Tiburón, versatili e esteticamente belli non può mancare!

Progettato insieme ai professionisti del vino, il refrigeratore è uno strumento utile per mantenere al fresco le vostre bottiglie di vino bianco e rosato pre-raffreddate. Dispone anche dell’aeratore antigoccia, che vi aiuterà ad avere un flusso costante durante la versatura.

LIBRERIA

Si trovano in commercio agende divise per tema, su cui scrivere tutte le proprie valutazioni dei vini assaggiati.

  • Libri

I veri amanti del vino stanno sempre sul pezzo, quindi non può mancare nella nostra libreria una piccola sezione dedicata ai testi sul vino.

  • Diario di cantina

Un metodo semplice per tener  “a mente” le bottiglie che sono passate per la nostra cantina, o di cui disponiamo al momento, è tenere un diario su cui annotare i nomi, le tipologie e le caratteristiche di conservazione

ORGANIZZIAMOCI

La prima cosa da fare è scegliere i vini da conservare per breve tempo, e quelli che invece vogliamo far invecchiare.

Dopo questo grande passaggio, possiamo continuare a dividere le nostre bottiglie per tipologia, colore, provenienza e annate.

Per non smarrirsi tra bottiglie, cose che capitano, si può aiutarsi applicando delle eleganti etichette a tutte le sezioni di cui siete a disposizione.

Ora non resta altro che provare a creare il nostro piccolo angolo di paradiso domestico aggiungendo qualche tocco personale, io per esempio ho scelto di condividere i miei momenti di relax insieme a Chicca e Bacco, i miei simpatici mici, nonchè mascotte della mia attività.

E voi cosa aggiungereste? Mandatemi le foto della vostra casa a prova di vino, sono curiosa di vedere le soluzioni che avete trovato e il vostro stile

Cin Cin! 🥂

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.