Il Senso del Vino

I Benefici del Vino

2 72

Ciao a tutti,

Quasi sicuramente conoscerete tutti la frase “Bere vino fa buon sangue“, forse, quando a dirla erano i nostri nonni non c’erano ancora i dati scientifici per provarne la sua veridicità, tuttavia in questi anni si è prestata sempre più attenzione al vino e alle sue possibili proprietà benefiche, e dopo numerosi studi, si sono ottenute le conferme delle azioni benefiche che il vino può apportare sui nostri organismi.

Prima di proseguire, mi sento obbligata a fare una premessa importante, infatti per quanto il vino possa avere proprietà positive per la salute, resta comunque una bevanda alcolica da consumarsi preferibilmente a stomaco pieno, senza cadere negli eccessi, e orientandosi sempre su vini buoni, ottenuti dalle giuste tecniche di produzione.

Per comodità, ho scelto di trattare il vino rosso separatamente dal vino bianco, in modo da essere il più chiara possibile in questo argomento un po’ complesso.

calice di vino rosso

VINO ROSSO

CIRCOLAZIONE, CUORE E VASI SANGUIGNI 

Ad apportare miglioramenti alla circolazione del sangue, a livello di vasi cardiaci e cerebrali, sarebbero delle sostanze contenute nelle bucce e nei semi dell’uva in grado di sciolgliere il sangue, fungendo da vasodilatatori.

Molte altre indagini cliniche hanno sottolineato come il vino, essendo ricco di polifenoli e resveratrolo, abbia un’azione protettiva sul cuore.

La vitamina E, di cui il vino rosso è ricco, aiuta a prevenire i coaguli nel sangue, a ripulirlo e a svolgere un’azione protettiva sul tessuto dei vasi sanguigni.

ULCERA

Uno studio eseguito dal Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Siena ha analizzato 13 vini provenienti da svariate regioni italiche; da tale studio è emerso come tutti i vini presi in analisi abbiano un ruolo attivo contro l’Helicobacter, ovvero il batterio responsabile di ulcere.

I vini più efficaci contro questo batterio, sono i vini provenienti dalla Sicilia, basterebbe un bicchiere al giorno, durante i pasti, per esercitare un’azione protettiva.

ANTIOSSIDANTE

I vini rossi, specialmente se invecchiati, sono stati inseriti nella lista degli alimenti antiossidanti, in quanto esercitano un’azione positiva sul colesterolo, i trigliceridi, e sulla glicemia basale, inoltre aumentano la sensibilità dei tessuti verso l’effetto dell’insulina.

Non sono da sottovalutare anche i suoi effetti fibrinolitici, antitrombotici, e anti invecchiamento.

Forse però, il suo effetto più straordinario è quello di impedire la crescita delle cellule potenzialmente responsabili del tumore al seno e ai polmoni; questo importante aiuto si deve all’azione del Resveratrolo.

ENERGIZZANTE

Capitano dei periodi in cui ci si può sentire stanchi, spossati e deboli per fare qualsiasi cosa, un’ottimo rimedio naturale è bere un bicchiere di vino rosso, poichè il Resveratrolo contrasta anche la debolezza fisica e l’apatia.

RILASSANTE

Ebbene sì, ecco la ciliegina sulla torta, il nettare degli dei, liberando endorfine nel nostro organismo, avrebbe anche la capacità di far emergere in noi una sensazione di rilassatezza.

VINO BIANCO 

OSSA E REUMATISMI

Il vino bianco, se assunto moderatamente, più rivelarsi un ottimo alleato contro l’osteoporosi, oltre a poter vantare effetti benefici sulle ossa in generale.

Anche la prevenzione delle malattie reumatiche, ne trarrebbe giovamento, grazie al tirosolo e all’acido caffeico presenti nel vino bianco, e in grado di contrastare le infiammazioni.

PREVENZIONE

Gli antiossidanti contenuti nel vino bianco creano un’azione di protezione verso le cellule, in questo modo si abbassa il rischio di tumore ai polmoni e di insorgenza di malattie neurologiche, come il morbo di  Parkinson e l’Alzheimer.

MEMORIA

Ci sono uve che contengono dei componenti che migliorerebbero le funzioni cognitive che interessano la memoria a breve e a lungo termine, proprio a questo proposito,  l’Università di Reading sta conducendo un importante studio prendendo in esame diversi vini, come il Pinot Bianco, il Pinot Grigio per i bianchi, il Pinot Nero e il Pinot Meunier per i vini rossi. 

DEPURATIVO 

Esattamente come il vino rosso, anche il quello bianco è un abile alleato anti invecchiamento, però a differenza del rosso, il vino bianco può essere utilizzato anche come depurativo per la pelle, basterà infatti detergere il viso con un dischetto di cotone imbevuto di vino bianco, per aumentare l’elasticità dell’epidermide, trovare un aiuto per riequilibrare il pH, ed eliminare le imperfezioni, grazie alle sue proprietà antibatteriche.

Trovo davvero sorprendente quanto il nostro amatissimo vino, “si prenda cura di noi” sotto tantissimi aspetti.

Propongo, quindi, un brindisi in suo onore e a tutte le sue proprietà benefiche.

Cin cin

FONTI

Tutte le informazioni scientifiche riportate in questo articolo fanno riferimento alle ricerche, studi e pubblicazioni condotte dalle Facoltà di chimica dell’Università di Calabria, Università di Siena, dal The FASEB Journal, Università della California, Harvard school, e dall’Università di Reading. 

2 Commenti
  1. Adriano BELLINI dice

    Complimenti Francesca,
    veramente interessante ed esaustivo.
    Un cin cin col…Terrano
    Adriano

    1. Francesca Sfregola dice

      Grazie Adriano! un cin cin a te 😉

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.